Progetti conclusi
Pozzo a Mondhoro Zimbabwe

Pozzo a Mondhoro

Collaboriamo alla costruzione del Pozzo di Mondhoro - Zimbabwe

Filomondo contribuisce con 5.685,00 Euro


Riceviamo da Sr. Luisa Marchetti della Congregazione Maestre Pie dell'Addolorata, la richiesta di un contributo per la realizzazione di un pozzo presso l'orfanatrofio Mariele a Mondhoro.
alcuni bimbi dell'orfanatrofiol'orfanatrofio
Motivazioni:
Riceviamo fornitura di acqua dall'ospedale che è vicino, ma l'offerta è disponibile solo quando vi è elettricità; per sopperire a questa carenza d’acqua abbiamo installato due serbatoi da 4000 litri d'acqua e pertanto si può prenotare un totale di 8.000 litri in modo tale che noi non rimaniamo a secco, diversamente dobbiamo percorrere circa 5 km dalla missione con contenitori a prendere l'acqua da un pozzo che è dotato di un pompa manuale.
i due serbatoi esistentila pompa
La fornitura che otteniamo dall'ospedale è attraverso un tubo che è di circa 300 metri di lunghezza e la pressione è così bassa che ci vuole più di 8 ore per riempire i 8.000 litri (se non vi è energia elettrica). A volte i bambini più grandicelli vanno fuori della missione con secchi a prendere l'acqua per fare il bagno e per l'uso in cucina ed i servizi igienici. Tuttavia questo non basta e vi è quindi bisogno di perforazione di un pozzo e di almeno 3 serbatoi in più perché a volte passano più di 3 giorni senza alimentazione elettrica, perciò non possiamo avere una buona riserva che può sostenere la casa.

aggiornamento:

Riceviamo da Raffaella:
Carissimi, Suor Magdalena mi ha detto che il progetto per la trivellazione è stato sostenuto da voi come associazione Filomondo e anche da un altro gruppo di Milano. E’ stato necessario fare due trivellazioni: la prima, era un cosiddetto “pozzo asciutto” così sono andati ancora più in profondità per 100 metri ma l’affiorare dell’acqua non era sufficiente per riempire il pozzo, probabilmente la vena di acqua era troppo piccola. Così è stata fatta una seconda trivellazione poco lontana dalla prima. Da questa è venuta tanta acqua! Il pozzo è stato realizzato!!!
In allegato trovi alcune foto:

n. 1 si può vedere l'arrivo del camion;  la foto è stata fatta dalla casa di Mariele (orfanotrofio)
inizio della perforazionela perforazione in atto
n. 2 si può vedere quanto la perforazione sia stata fatta vicino alla casa Mariele
l'acqua sgorgala perforazione in atto
n. 3-4 i lavori in corso e la fuoriuscita di tanta acqua!
la gioia dei bimbila gioia dei bimbi
da  n. 5-6 potete vedere la gioia dei bimbi. Racconta Sr Magdalena che quel giorno era contentissimi.

Un GRAZIE speciale a voi che ci avete sostenuto da parte dei bimbi e della comunità di Mariele, da parte della Commissione Missioni e l’Istituto tutto delle Maestre Pie dell’Addolorata.

Un saluto fraterno
Raffaella per la Commissione Missioni Zimbabwe

responsabile del progetto: Sr. Luisa Marchetti


 

 
Pozzo a Arua Uganda

Nuovo Progetto

Collaboriamo alla costruzione del Pozzo di Arua - Uganda

Filomondo contribuisce con 6.000 USD

abbiamo ricevuto la richiesta di collaborazione per la costruzione di un pozzo dalle Suore: Missionary Sisters of Mary Mother of the Church;
queste suore si trovano a Arua nel Nord dell'Uganda nella contea di Offaka.


REFERENZE GEOGRAFICHE E SOCIALI

La provincia di Offaka è una delle 9 provincie nella contea di Madi Okollo. E’ divisa in 4 parrocchie (24686 abitanti): Adraa, Ocebu, Elibu, Oribu.
In generale le persone di Offaka sono  poveri contadini che praticano un’agricoltura di sussistenza coltivando cereali come mais, fagioli cassava e altri utilizzandoli come loro sostanze nutritive.
Per la maggior parte sono analfabeti, soprattutto per quanto riguarda le donne. Nonostante l’introduzione dell’obbligatorietà della scuola primaria, c’è ancora una battaglia in atto riguardo all’educazione soprattutto nelle aree rurali. Il problema riguarda soprattutto le ragazze a causa dei matrimoni in giovane età, gravidanze indesiderate e l’attività di babysitter che gli assegnano i genitori.

L’ACQUA NELLA COMUNITA’ DI OFFAKA

Offaka (24686 abitanti) soffre la mancanza di rifornimenti di acqua pulita. La comunità si trova spesso a sopportare situazioni di miseria a causa della mancanza di acqua dovuta all’instabilità delle precipitazioni. Una delle conseguenze di questo è poi la chiusura delle scuole primarie, come dall’agosto 2005 a marzo 2006.
La maggior parte dei fiumi sono stagionali, perciò non c’è rifornimento costante di acqua. La comunità si affida quindi a pozzi che però si asciugano in caso di siccità.
Ci sono anche fonti di acqua stagnante che sono utilizzati sia dagli umani che dagli animali. Questo però non da la sicurezza rispetto alla pulizia dell’acqua e alla conseguente sicurezza.

IL BISOGNO DI ACQUA SICURA NELLA COMUNITà

L’idea del progetto vorrebbe migliorare l’accesso all’acqua pulita attraverso un pozzo. Assicuriamo la partecipazione di tutta la comunità nei vari step del progetto. Le suore della nostra comunità organizzeranno la commissione per il progetto che supervisionerà le fasi di programmazione e di implementazione. Le suore si occuperanno di trovare la compagnia di trivellazione e la compagnia che fornirà la pompa; coordineranno anche l’intero progetto con l’aiuto di esperti per le parti tecniche.


DESCRIZIONE DEL PROGETTO

OBIETTIVO
Accesso ad acqua pulita e sicura per la comunità
Costruzione di un pozzo
Educare la comunità riguardo all’importanza della conservazione dei giacimenti per l’acqua.
Ridurre le distanze coperte dagli abitanti per i rifornimenti di acqua per l’uso domestico.

AIUTO DA PARTE DELLA COMUNITA'
Ogni sforzo verrà fatto per coinvolgere gli abitanti il più possibile. Le suore aiuteranno la comunità nel riconoscere alcuni tipi di situazioni anche con l’aiuto di esperti.
Processo di elezione del comitato per l’acqua
I primi step di questo progetto, vedranno la comunità partecipe nell’elezione di un comitato. Incoraggeremo la comunità ad avere rappresentati che includano uomini e donne, giovani e anziani. La comunità si incontrerà democraticamente per l’elezione. Alcune persone saranno scelte per ricoprire i seguenti ruoli: presidente, segretario, tesoriere.
Le suore provvederanno alla preparazione del nuovo comitato riguardo ai vari ruoli di responsabilità di ogni persona, così come fare incontri, sviluppare una costituzione.
La seconda fase del progetto coinvolgerà la partecipazione di tutta la comunità, in modo che il comitato possa spiegare ed informare la comunità.

Una volta sviluppata la capacità del comitato, verranno stilati una serie di criteri per la selezione dei lavoratori, favorendo i disoccupati. Due gruppi di lavoratori verranno selezionati, dividendo equamente fra uomini e donne.

SUPERVISIONE DELLA COSTRUZIONE
Le suore assumeranno un supervisore che sarà in cantiere full-time per monitorare la qualità della costruzione e per provvedere alla guida e alla formazione degli operai. Questa figura sarà scelta tra persone che hanno una buona capacità, conoscenza ed esperienza nel campo e che voglia migliorare la situazione del proprio villaggio.
OPERAZIONI E MANTENIMENTO
Verranno anche introdotti i concetti di manutenzione e futuri lavori da mantenimento.
MONITORAGGIO E VALUTAZIONI
I sostenitori verranno aggiornati settimanalmente sul progresso del progetto.
Verranno redatti reports che permetteranno l’assistenza nelle valutazioni del progresso del processo.
RISULTATI DEL PROGETTO
Uno dei benefici di questo progetto è avere acqua sufficiente per le comunità per cui non era disponibile.
Uno dei risultati meno tangibili sarà la capacità di sviluppare conoscenze all’interno della società, costruendo e sviluppando capacità (a livello finanziario, organizzativo e sociale) che vanno al di là del risultato diretto e che saranno utili in futuro per la comunità.


 

 

 

 

 
Progetto Portoviejo Ecuador

PROGETTO CONCLUSO

Abbiamo ricevuto una richiesta di collaborazione, per la costruzione di aule polivalenti, dalla Parrocchia Beato Pio IX in Poroviejo - Ecuador.


Cari amici Associazione Filomondo:
Cordiali saluti dalla Parrocchia Beato Pio IX dell’Archidiocesi di Portoviejo (Ecuador) con l’augurio che il Signore continui a benedire tutti i membri e benefattori della vostra Associazione.

La situazione

Sono P. Walter J. Coronel M. svolgo il mio ministero in qualità di parroco della popolosa Parrocchia Beato Pio IX di Portoviejo (Ecuador), eretta da 10 anni, che ha una popolazione di 22.300 abitanti. La maggior parte della popolazione parrocchiale si dedica al commercio formale e informale (ambulanti), specialmente nel Mercato cittadino ubicato proprio nel territorio della nostra circoscrizione ecclesiastica. in molti casi la loro rimunerazione non arriva a coprire neanche le necessità più vitali della propria famiglia, specialmente quando ci sono figli di mezzo.
Si tratta di una Parrocchia pastoralmente viva in cui in questi anni sono stati formati quasi 370 agenti di Pastorale che collaborano nella catechesi, nella pastorale dei malati, nella promozione umana, l’animazione dell’Infanzia Missionaria ed il servizio liturgico.
Attualmente frequentano gli incontri più di 1300 bambini, in gran maggioranza provenienti da famiglie difficili o caratterizzate da disintegrazione sociale. La frequenza è settimanale, ma dobbiamo organizzare anche doppi turni durante tutta la settimana perché vi sono solamente due aule disponibili allo scopo.
In questi dieci anni, infatti, catechisti e genitori hanno lavorato insieme per costruire le due aule menzionate che evidentemente, però, non soddisfano la grande esigenza di spazi; per questo vediamo come prima e più urgente necessità proprio quella di costruire almeno altre cinque aule, nel terreno stesso della Parrocchia.
il salone attuale

Preventivo del progetto

Si è fatto un preventivo e stima di costi per 5 aule di struttura lineare e minima, con pareti in cemento e tetto in lamiera, di 6mx8m (48 m2) ciascuna. In Ecuador il costo per m2 di costruzione è attualmente pari a circa  $170 (costo minimo preventivato), compresi connessioni elettriche, pavimenti e imbiancatura pareti. Ciò vuol dire un minimo di $8.160 per aula, ed un monto totale che ascende a almeno $40.800 per le cinque aule.
La Parrocchia ha organizzato in questi anni alcune semplici attività, però il totale raccolto finora è di $ 3117.14, evidentemente insufficiente per realizzare anche solo un’aula.

Obbiettivo del progetto

É per questo motivo che oso bussare alla porta della vostra generosa carità, sollecitando un aiuto per dare ai nostri bambini spazi sufficienti e degni in cui possano essere educati nella fede e nell’esperienza vitale di Chiesa, mediante l’incontro con Gesù.
La realtà in cui il Signore mi ha collocato mi spinge a fare questo passo, chiedendo fra gli amici e le persone di buona volontà un gesto di solidarietà che contribuisca a realizzare questo progetto. Per questo, qualsiasi contributo, piccolo o grande,  sarà una grazia ricevuta. Non abbiamo l’intenzione di nessun modo di ottenere un grande contributo o il totale delle spese di vostra parte.

Assicuro il ricordo nella preghiera tutti membri e benefattori della vostra Associazione. Rinnovando sentimenti di riconoscenza e stima.

In Cristo
P. Walter J. Coronel M.

Responsabile e referente del progetto: P. Walter J. Coronel M.

Filomondo collabora per questo progetto con 16.320 $ USD

aggiornamento maggio2012

I lavori sono a buon punto, tra due mesi tutto sarà pronto:

lavori in corso nel nuovo salonelavori in corso nel nuovo salone

 
Progetto approvvigionamento idrico

PROGETTO CONCLUSO

Progetto per approvvigionamento idrico di 7 villaggi in 2 provincie della Zona di Bonga nel Sud dell’Etiopia.

Dopo una prima collaborazione con l'Associazione CVM www.cvm.an.it ora arriva una nuova richiesta di aiuto per la realizzazione di un nuovo progetto nel sud dell'Etiopia nella  zona di Bonga.

Questa è la richiesta del Responsabile Attilio Ascani Direttore di CVM:

"Facendo seguito alla proficua collaborazione avvenuta dal 2009 ad oggi grazie al vostro aiuto nella realizzazione del Sistema idrico gravitazionale per le comunità di Haro Shanko, vi inviamo una proposta di cofinanziamento per un progetto di approvvigionamento idrico da realizzare in 7 villaggi di  2 Woreda (provincie) della Zona di Bonga nel Sud dell’Etiopia.

L’area in questione è particolarmente isolata e poco raggiunta da progetti ed interventi di sviluppo di vario genere. Pur non essendo fra quelle maggiormente colpite dalla siccità che in questo momento ha colpito il corno d’Africa risente comunque di questo suo isolamento geografico e della mancanza di infrastrutture. La copertura di acqua potabile è inferiore al 10%, considerando anche le piccole cittadine.alla  fontealla sorgente


In questo contesto abbiamo scelto di valorizzare le fonti esistenti e perenni, migliorandone la qualità e l’accessibilità con protezioni in cemento e costruzioni di lavatoi per le donne.
Contestualmente vorremmo avviare un lavoro di promozione delle donne, la costituzione di piccole cooperative di donne e la promozione dell’igiene per completare un quadro di sviluppo locale incentrato su acqua, igiene e sulle donne.

Per questo CVM torna a chiedere il vostro aiuto per poter intervenire con maggiore incidenza in un’area ed in un settore che fa parte delle competenze oramai consolidate della nostra organizzazione dove riusciamo a contribuire efficacemente allo sviluppo locale.

Si tratta di un intervento che facciamo insieme alla Diocesi di Jimma-Bonga, con la quale condividiamo scelte, pianificazione e responsabilità generale dell’intervento, anche se siamo direttamente responsabile dell’operatività ordinaria e quotidiana delle attività.

Il progetto proposto riguarda la protezione di sorgenti e l’igiene ambientale delle comunità nella zona di Kaffa, in Etiopia, nelle Woreda di Cheta e Tello, per un totale di 3.084 beneficiari.

L’obiettivo generale è di “aumentare la disponibilità di acqua pulita, migliorare la sanità ambientale e l’educazione igienico-sanitaria della popolazione della Kaffa Zone”. tutti in fila per l'acqua

L’Obiettivo specifico del progetto è di “migliorare attraverso un approccio sostenibile le conoscenze e l’approccio in ambito igienico-sanitario e l’accesso a fonti di acqua potabile per 3.084 abitanti di 7 Villaggi della Kaffa Zone”

 

Filomondo collabora per questo progetto con parte della somma del 5x1000 dell'anno 2008 (dichiarazione 2009) pari a euro 15.000

In Italia il referente per questo progetto è Attilio Ascani, direttore, mentre in Etiopia la responsabilità operativa è assunta da Zelalem Worku.

Per visualizzare e comprendere tutto il progetto nella sua completezza cliccate quì, si aprirà un file .pdf di 1.246 KB


 

 
Concorso di disegno: L'acqua è...

PROGETTO CONCLUSO


I° Concorso di disegno per Scuole Primarie

L'Acqua è...

primo concorso di disegno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


La Scuola Primaria A. Manzoni di Lesmo (MB)  ha partecipato a questo progetto "pilota".

concorso di disegno

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 
Pozzo a Hedaru

Pozzo a Hedaru - Mabilioni, Tanzania

PROGETTO CONCLUSO

Filomondo collabora con 6.825 euro

Motivazioni
Il Distretto di Same si trova nella zona più arida della Tanzania, tra la catena montuosa dei monti Pare e la steppa dei Maasai. Le piogge che cadono sporadicamente (e che sono concentrate in pochissime settimane durante l'anno) non sono sufficienti per le necessità della popolazione.

Negli anni si è anche aggiunto il progressivo impoverimento dei pozzi presenti, aggiungendo nuove difficoltà ad una situazione già difficile. In questo contesto opera la Comunità dei Fratelli di Gesù il Buon Pastore, una comunità Cattolica locale.

Descrizione del progetto
Il progetto prevede lo scavo di un pozzo per l'acqua potabile in località Mabilioni con la costruzione di una cisterna e di una piccola rete distributiva (rubinetti) per poter rendere accessibile l'acqua agli abitanti del villaggio di Mabilioni e al piccolo Dispensario (già costruito dai Fratelli di Gesù il Buon Pastore)

I "Fratelli di Gesù il Buon Pastore" sono una congregazione nata in seno alla Diocesi di Same molto recentemente. Ad oggi è composta da 6 Fratelli e da alcuni ragazzi che stanno seguendo un percorso di formazione per poterlo diventare.

Uno di questi fratelli è anche parroco della parrocchia di Hedaru, Mabilioni e Saweni, una parrocchia che conta una popolazione di circa 20.000 persone (popolazione Maasai esclusa) distribuita lungo un tratto di strada lunga 10 km.

I Fratelli hanno come carisma la vicinanza ai poveri e l'Evangelizzazione. 
Tra i vari progetti che portano avanti c'è la recente inaugurazione di un dispensario in Località Mabilioni, il sostentamento agli anziani e agli ammalati (senza discriminazione di etnia o religione), un progetto per lo sviluppo della tecnica di irrigazione "drop io drop ", un progetto di sviluppo di allevamento polli e altri piccoli-medi progetti rivolti allo sviluppo sociale ed economico della zona e della popolazione locale.

Ubicazione
Località Mabilioni Parrocchia di Hedaru - Distretto di Same Regione del Kilimanjaro - Tanzania

Responsabili del progetto:
Brothers of Jesus the Good Shepherd
P.O.Box 77 - Hedaru- Same, Tanzania

referente: Alberto Varisco

 

Ciao a tutti.

Come promesso comincio ad inviarvi un paio di fotografie che mi ha inviato via mail fr. Moses.
Sono relative al pozzo che ci avete aiutato a scavare.

Le foto sono relative alla seconda fase del progetto (la prima è lo studio del territorio per individuare i punti dove c'è possibilità di trovare l'acqua): la trivellazione, la pulizia e i test di pompaggio dell'acqua per capire se è una buona vena.

 

 

In una terza fase si procede all'inserimento nel pozzo della pompa,  alla posa di tubi vari e dei rubinetti, alla costruzione di una "casetta" attorno al foro (in modo da evitare che vi entrino animali o sostanze inquinanti) e alla costruzione del basamento in cemento per la cisterna e al suo posizionamento.

A Maggio, al mio rientro dal viaggio ad Hedaru, vi manderò altre foto del pozzo o, se vi fa piacere, possiamo vederci e vi racconto un po' cosa stanno facendo i Fratelli.

Ancora una volta, anche a nome loro e del Vescovo della Diocesi di Same, vi ringrazio per questo vostro gesto di carità nei confronti dei nostri fratelli. A presto.
Alberto

 


 

 

 

 
Scuola a Veyula

PROGETTO CONCLUSO

Ampliamento scuola a Veyula


St. Gabriel Technical School, Veyula (Dodoma, Tanzania).
E' una scuola professionale tenuta dal Padri Passionisti che, con l’aiuto delle suore di Ivrea, offre ai giovani (80 con 12 maestri) corsi triennali per ottenere il diploma in falegnameria, sartoria e carpenteria meccanica ed inoltre offre a tutti (giovani e adulti esterni) brevi corsi di computer (10 alunni con un maestro).

Descrizione del progetto
"Proposta di estensione dei St. Gabriel Technical School per includere la Scuota Secondaria". Questo progetto consiste nella costruzione di 4 aule, di un ufficio ed un ambiente per i maestri, di un piccolo magazzino e dei servizi, come si può vedere dal disegno allegato.
E' un'estensione della Scuola Professionale già esistente per realizzare al suo interno l'ambiente per l'insegnamento della Scuola Secondaria dalla 1a alla 4a classe.

Motivazioni
il governo dei Tanzania ha stabilito che dal 2011 per ottenere qualsiasi diploma di scuola professionale bisogna conseguire prima il diploma di scuola secondaria, in pratica:
- finora, per accedere ai diploma di scuola professionale era sufficiente aver frequentato le elementari.
- da ora in poi invece, per accedere al diploma di scuola professionale è necessario avere conseguito prima li diploma di scuola secondaria
Con questo nuovo sistema di scuola, si può ottenere il diploma professionale in due vie:
- frequentando, dopo le elementari, i quattro anni di scuola secondaria e poi conseguire il diploma professionale.
- oppure (come è nel nostro caso) frequentare insieme scuola professionale (al mattino) e scuola secondaria (al pomeriggio): questo metodo esige certamente più sacrifici da parte degli alunni, ma offre loro una via più breve per raggiungere la maturità professionale.

A Filomondo, da sempre sensibile al problema dell’educazione, chiediamo l'aiuto di 17.720 euro per dare inizio al lavoro di questa opera e alla realizzazione delle sue fondamenta.

Responsabili del progetto    P. Aloyce Babene e Sr. Rosaria Mancuso
Passionist Fathers - Veyula
P. 0. Box 990 Dodoma (Tanzania).

Viene utilizzato per questo progetto la somma totale del 5x1000 dell'anno 2006 (dichiarazione 2007) pari a euro 18.293,49


 
Pozzo a Veyula

PROGETTO CONCLUSO

Manutenzione pozzo Casa Religiosa P. Passsionisti di Veyula

P. Cesare Pozzobon dei Padri Passionisti ci ha chiesto un aiuto per il rifacimento e manutenzione del pozzo nella casa Parrocchia di Veyula, villaggio vicino a Dodoma, in Tanzania.

Descrizione del Progetto:
- rimozione dal pozzo (prof. mt. 170) della pompa e motore che sono a 120 mt. di profondità.
- acquisto e installazione  nel pozzo di una nuova pompa e motore a immersione.

Motivazioni:
Pompa e motore si sono logorati dall'uso, essendo in funzione dal 1996.
L'acqua estratta da questo pozzo serve la comunità religiosa, il Seminario Passionista e la povera gente di Veyula che, solo quì, ha la possibilità sempre e gratuitamente di attingere acqua potabile.

Filomondo collabora con 4.470 euro

 

donne attingono acqua alla fontanellaabitanti del villaggio di Veyla in coda per l'acqua

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

© filomondo.org - 2008 - Realizzato da vivisulserio.it