Pozzo con energia solare

 

Alimentazione solare al pozzo Casa Religiosa P. Passsionisti di Veyula

P. Cesare Pozzobon ci ha chiesto un aiuto per poter utilizzare l'Energia Solare per prelevare l'acqua del pozzo nella casa religiosa dei padri Passionisti a Veyula, villaggio vicino a Dodoma, in Tanzania.

Descrizione del Progetto: Acquisto e installazione di pannelli solari per il funzionamento della pompa del
pozzo per l’acqua potabile alla Casa Religiosa, al Seminario, e alla gente del villaggio.

Motivazioni:

... per poter continuare ad aiutare la nostra gente ad avere sempre a disposizione acqua sana, sicura e potabile in questa nostra Veyula, tanto secca e tanto calda!

Il nostro pozzo e’ stato scavato nel lontano 1982 (quasi 40 anni fa’!) e da allora ha sempre funzionato con una pompa elettrica a immersione, installata a circa 120 metri di profondita’, alimentata dalla corrente trifase dell'ente nazionale per l'energia elettrica.

Da quel pozzo noi estraiamo acqua per la nostra Comunita’ e per il nostro Seminario, ma fin da principio (1982) abbiamo sempre offerto gratis, 24 ore al giorno, l’acqua anche alla gente che ci circonda attraverso una fontana posta all’entrata della nostra Casa Religiosa di Veyula, ove normalmente si formano lunghe file di persone che vengono ad attingere l’acqua con variopinti secchi e bidoni.

Lungo il corso degli anni, il costo della corrente elettrica e’ sensibilmente aumentato, e sta diventando un peso che non riusciamo piu’ a portare. Per questo abbiamo pensato ad una alternativa efficace, cioe’ all’acquisto di pannelli solari per il funzionamento della pompa a immersione, che ci solleverebbe almeno dall’ 90% del costo della corrente elettrica, l’altro 10%  circa resterebbe legato alla rete nazionale per quei brevi periodi di nuvole che ci sono anche qui a Dodoma.

Filomondo collabora con 8.000 euro

inizio lavori con la posa della struttura di supporto del pannelli fotovoltaici

 

inizio lavoriinizio lavori


inizio lavoriinizio lavoriinizio lavoriinizio lavori

 
Don Vittorio

Il tuo sorriso rimarra' sempre nei nostri cuori!

una lettera giunta dal missionario P. Cesare Pozzobon dalla Tanzania:

Passionist Fathers — Veyula P. O. Box 990  Dodoma (Tanzania).

Carissimi,

i miei confratelli passionisti sia africani che missionari in Tanzania, assieme ad Antonio Cossali ed io, vogliamo far giungere le nostre cristiane condoglianze a voi, e, attraverso di voi, a quanti l'hanno conosciuto e amato come sacerdote e amico; come pure ai suoi fratelli e familiari.

Vogliamo esservi vicini con una preghiera di conforto per voi, ma specialmente assicurandovi di una grata preghiera di suffragio e di un costante ricordo presso l'Altare del Signore per l'anima di Don Vittorio (Mons. Vittorino Bruni) che ci ha lasciati in punta di piedi.

Don Vittorio... una persona unica, amico e sacerdote, fulgido esempio di pastore della chiesa ambrosiana, che abbiamo incrociato sulla nostra strada, quella delle missioni; strada che il Signore, a noi sacerdoti in particolare, ha indicato per andare a portare il suo Vangelo a tutte le nazioni, e che lui ha percorso sia in Africa come pure in Asia ed in America Latina!

Siamo testimoni che per quasi 50 anni è stato al nostro fianco come amico, consigliere e benefattore: ci è stato di grande aiuto nel nostro lavoro missionario, ha fatto tanto per questa nostra Tanzania e per la sua gente, per noi passionisti, per il clero diocesano, per le suore sia locali che missionarie; e tutto questo grazie al suo carattere solare, al suo vedere sempre il bello e il positivo in ogni occasione e in tutte le persone che incontrava, alla sua carica spirituale, alla sua assidua preghiera, al suo indomito spirito missionario, e poi... alla sua solidarietà a tutto campo, aiutato in questo prima dai Gruppi Missionari e dalle parrocchia che guidava, e poi dall'Associazione Filomondo Onlus; con i contenitori prima e poi con la sovvenzione dei progetti riguardanti l'acqua, l'educazione e la salute nelle nostre missioni in Tanzania.

La misura della sua carità era l'essere senza misura, grande, smisurata, perché' aveva capito che Dio l'aveva amato per primo, e che “c'è più gioia nel dare che nel ricevere": a imitazione di Cristo, Sacerdote Eterno e Pastore Buono, si è lasciato consumare nel suo quotidiano sacrificio a Dio nell'offerta della Santa Messa, nell'apostolato, nella preghiera di intercessione e nell'Amore verso il Prossimo, vicino e lontano.

Il Signore Gesù, vincitore della morte e del peccato, doni ora alla sua anima, e poi, alla risurrezione dei morti, anche al suo corpo, la ricompensa riservata ai Suoi amici, a lui, Don Vittorio, che ha amato e servito Cristo nella chiesa milanese e nelle missioni, e Lo ha aiutato nei Suoi fratelli bisognosi in Italia e in altre parti del mondo, specialmente in questa nostra Africa.
P. Cesare Pozzobon


 
5X1000

Come puoi sostenerci

5 per MILLE... per FILOMONDO

Dona il cinque per mille all'associazione Filomondo!Con la dichiarazione dei redditi di quest’anno potrai destinare, senza alcun onere, il 5 per mille dell’Irpef a favore della nostra associazione onlus.
La destinazione della quota del 5 per mille è complementare (cioè si aggiunge) all’opzione del più classico 8 per mille destinato allo Stato/Chiesa.
Durante la compilazione del 730, del modello Unico o tramite modello CUD, sarà sufficiente la tua firma  nella parte riservata al “sostegno del volontariato” e l’indicazione del nostro  codice fiscale:

94036540154

Ricorda: "+ dài - versi"

Nell’ambito del Piano di azione per lo sviluppo economico, sociale e territoriale, con l’articolo 14 del decreto-legge 14 marzo 2005, n. 35 convertito dalla legge 14 maggio 2005, n. 80, rubricato ONLUS e terzo settore, è stata approvata una importante disposizione (la c.d. “+ dai – versi”) in materia di deducibilità delle erogazioni liberali effettuate a favore degli organismi facenti parte del terzo settore.

Le offerte intestate a Associazione Filomondo Onlus, se effettuate tramite bollettino postale, bonifico bancario o assegno bancario o postale,
sono deducibili dal reddito imponibile sino ad un ammontare pari al 10% del reddito stesso e fino a un massimo di 70.000 Euro.


Come puoi sostenerci:

1- puoi sostenere i nostri progetti inviando la tua offerta a:
Associazione Filomondo Onlus
Via Marconi 13 – 20855 Lesmo MB

attraverso:
Versamento su C/C postale n. 49390545
Bonifico Bancario sul c/c 49390545
Banco Posta Italiane
Codice IBAN: IT 27 I 07601 01600 000049390545

2- puoi impegnarti a far conoscere la nostra attività ad amici e conoscenti

3- diventando socio aderendo all’Associazione Filomondo Onlus versando la quota annua di 15,00 Euro (scarica il modulo di adesione che trovi alla sezione contributi, sotto la voce diventa socio).

Agevolazioni fiscali
Fare una donazione a Filomondo è anche conveniente.
La legge 80/2005 ha stabilito infatti nuove e più vantaggiose agevolazioni fiscali per chiunque, privato o azienda, faccia una donazione a favore di una Onlus. Per usufruire di tali agevolazioni è necessario conservare la ricevuta di versamento.

5 per ...millegrazie!!!

Filomondo ringrazia le persone che hanno firmato in favore della nostra Associazione Filomondo Onlus:

nella dichiarazione 2006 (quella relativa ai redditi 2005),
nella dichiarazione 2007 (quella relativa ai redditi 2006),
nella dichiarazione 2008 (quella relativa ai redditi 2007),
nella dichiarazione 2009 (quella relativa ai redditi 2008),
nella dichiarazione 2010 (quella relativa ai redditi 2009),
nella dichiarazione 2011 (quella relativa ai redditi 2010),
nella dichiarazione 2012 (quella relativa ai redditi 2011),
nella dichiarazione 2013 (quella relativa ai redditi 2012),
nella dichiarazione 2014 (quella relativa ai redditi 2013),
nella dichiarazione 2015 (quella relativa ai redditi 2014),
nella dichiarazione 2016 (quella relativa ai redditi 2015),
nella dichiarazione 2017 (quella relativa ai redditi 2016),
nella dichiarazione 2018 (quella relativa ai redditi 2017),
nella dichiarazione 2019 (quella relativa ai redditi 2018),
nella dichiarazione 2020 (quella relativa ai redditi 2019),

hanno firmato in favore della nostra Associazione Filomondo Onlus.



 

 
Raccolta tappi di plastica

Per fare un pozzo... ci serve un tappo!

Un modo concreto per contribuire ai progetti dell'Associazione Filomondo è quello della raccolta dei tappi di plastica. Un gesto semplice ma molto significativo e oltrettuto "ecologico" che ci aiuta a comprendere il valore del dono del superfluo e del recupero degli scarti della nostra società moderna e tecnologica.

L'Associazione Filomondo Onlus ringrazia sentitamente tutti coloro che hanno partecipato e stanno partecipando alla raccolta di tappi in plastica da "convertire" in aiuti concreti da realizzare nelle zone più povere dell'Africa.
Tutti i progetti portati a termine e quelli in corso di realizzazione dall'Associazione Filomondo sono consultabili nell'apposita sezione accessibile dal menù di navigazione qui a lato.

L'Associazione Filomondo ti invita a promuovere la raccolta di tappi presso amici, luoghi di lavoro, condomini, scuole ed esercizi commerciali. I tappi di plastica raccolti, verranno consegnati ad aziende di riciclaggio di plastica e il ricavato servirà per sostenere la realizzazione di pozzi in Tanzania e Kenya.

Per conoscere i punti di raccolta ed i responsabili di zona, è possibile contattare la Onlus utilizzando la form disponibile nell'area contatti, o direttamente all'indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot, abilitare Javascript per vederlo .

Che tipi di tappi raccogliere?
Solamente i tappi delle bottiglie di plastica in PE
(polietilene), e in PP (polipropilene), ovvero i tappi delle bottiglie di acqua, gassosa, aranciata, latte, succhi di frutta e dei detersivi puchè siano puliti. Gli altri tappi di plastica non devono essere raccolti, così come i tappi metallici a vite e a corona e di sughero.

 

Perchè solo questi tappi?
Esistono molti tipi di plastica utilizzati per stampare i tappi (polietilene, polipropilene, polistirolo, pvc…) che quindi hanno caratteristiche diverse e per questo non possono essere mischiati nel processo di riciclaggio. Inoltre sopra i tappi  ci possono essere le etichette; e ancora sotto i tappi spesso resta la guarnizione o del residuo di prodotto. Tutto ciò pregiudica la qualità del riciclaggio dei tappi. Infine il metallo è dannoso per le macchine dei reparti di riciclaggio e rende inutilizzabile il prodotto.

 


 
Progetto Baby House

Una casa per gli orfani dell’Aids

Il Progetto Baby House accoglie gli orfani dell'AIDSImporto sostegno annuo 12.000,00 €uro

Sostieni questo progetto

Makalder, Kenya
Suore di Carità dell’Immacolata Concezione  di Ivrea

Attualmente ci sono 21 bambini ospitati ed il costo mensile di gestione della Baby House è pari a 1.000,00 euro. Offri quanto il tuo cuore ti suggerisce, l'entità del contributo è libera.

La costruzione dell’edificio è terminata, c’è stata l’inaugurazione ufficiale lo scorso 3 agosto 2005 con la presenza del DO (responsabile governativo del distretto di Makalder): la sua presenza ha sicuramente valorizzato quest’opera. La nuova casa può ospitare fino a 25 bimbi, attualmente ce ne sono 21, di età compresa tra 0 e 3 anni. Quattro di questi bimbi hanno incominciato a trascorrere dei periodi nelle relative famiglie per arrivare poi ad esserne inseriti definitivamente.
La nostra Associazione, come già detto, si è fatta carico del mantenimento di questa struttura (personale, medicinali, visite specialistiche, cibo, giochi ecc.) affinché a questi piccoli, già tanto provati fin dall’inizio della loro vita, non manchi nulla di ciò che è necessario.
Il nostro impegno continua, quindi, nel sostenere quest’opera in cui crediamo molto e speriamo anche Voi.
“Chi accoglie uno di questi Bambini nel mio nome, accoglie me”  (Mc. 9.37).

IL PROGETTO

La situazione
Da quando in Africa è scoppiata l’epidemia di AIDS tanti bimbi rimangono orfani. A Makalder (Kenya), grazie ad una importante donazione, le Suore di Carità della Immacolata Concezione di Ivrea saranno in grado di portare a compimento la costruzione dell’edificio, cosicché i bambini orfani avranno la loro “culla” dove poter essere accolti e cresciuti.

Obiettivi del progetto
Con il vostro aiuto, Filomondo sosterrà economicamente l’acquisto completo dell’arredamento nonché le spese di gestione mensili relative alla conduzione della casa quali: spese di personale per accudire i bambini, assistenza medico-sanitaria, luce, acqua, legna, generi alimentari e per l’igiene dei bambini, materiale per ufficio, giochi.

Preventivo del progetto
Attualmente ci sono dieci bambini ospitati ed il costo mensile di gestione della Baby House è pari a 900,00 euro, equivalente a 90,00 euro al mese per bambino.

I bimbi del ospiti del progetto baby house

 
Sviluppo completo del progetto
Una farfalla si è posata sul giardino della missione di Makalder.
Ci sono ambienti di ospitalità per 10 bimbi neonati e 10 bambini più grandi. Gli spazi sono dotati dei necessari servizi igienici; ogni stanza è visibile direttamente dalla camera degli educatori. Ci sono inoltre 2 refettori distinti per i 2 gruppi di bambini, una cucina con dispensa, la stanza di accoglienza per i visitatori e il sempre utile store (magazzino).
La pianta può far sembrare l’oggetto un po’ complicato: sono tutti volumi rettangolari disposti secondo una precisa geometria funzionale, anche ad avere al centro uno spazio da destinare a giardino interno, una vera e propria stanza giochi a cielo aperto.
Al fabbricato si accede da rampe inclinate poste verso il dispensario già esistente. Entrati si accede al giardino interno che disimpegna gli spazi cucina, refettori e accoglienza ospiti e gli spazi destinati ai dormitori. Dunque dal punto di vista della sicurezza interna non ci sono troppe porte di ingresso e uscita.
 
Tutti i volumi sono coperti con copertura a falda unica e questo facilita molto la posa delle lamiere di copertura e soprattutto elimina la presenza di colmi, compluvi o displuvi che sono un po’ i punti deboli delle coperture così fatte anche perché molto sensibili alle dilatazioni termiche, particolarmente in corrispondenza dei fissaggi alla struttura portante sottostante. Inoltre è molto più semplice la manutenzione della copertura. Ovviamente sarà possibile canalizzare l’acqua di copertura verso i tank già esistenti. Il fabbricato è in corso di realizzazione da parte di un’impresa africana locale che ha iniziato i lavori lo scorso luglio 2004.

Referente in loco del progetto
Suor Raffaella (Resp. in Kenya delle Suore di Carità dell’Immacolata Concezione di Ivrea)


 

 
Chakula bora

Cibo migliore" un aiuto ai malati di AIDS

Chakula bora, cioè: Cibo migliore.

E' un aiuto che vogliamo dare ai malati di AIDS o infetti da Hiv.
Questi ammalati ricevono dal governo le medicine, gratuitamente, ma hanno bisogno di una alimentazione particolare per far fronte ai forti farmaci che assumono.

Filomondo collabora con l'invio di 200 euro mensili in modo da sostenere 20 malati.

Sostieni questo progetto, offri ciò che il tuo cuore ti suggerisce.


"Si può donare senza amare, ma non si può amare senza donare"

Robert Louis Stevenson  (1850-1894)


dalla lettera di P. Cesare del 2 maggio 2007

PROGETT0 CHAKULA BORA                                  

  Nei tre villaggi che ci circondano (Veyula, Msalato e Mchemwa nella regione e provincia di Dodoma, in Tanzania), molti sono i malati di Aids o infetti da Hiv, ma pochi osano esporsi e hanno il coraggio di ammetterlo. E dietro a questa situazione: che passione. quanta miseria, rabbia e disperazione, quanto dolore e rassegnazione di uomini, donne, bambini, e... intere famiglie! consegna di prodotti alimentari
Attraverso Ong estere, il governo del Tanzania ha promosso e sta promuovendo una grande campagna di sensibilizzazione perché tutti abbiano a fare il test dell'Aids: chi viene trovato ammalato e tale si vuole riconoscere, il governo, sempre attraverso le Ong internazionali, provvede gratis ad ognuno le medicine adatte allo stadio della sua malattia. Poiché queste cure esigono un'adeguata alimentazione, il governo, sempre attraverso le Ong, ha passato, nei primi anni di questa progetto, anche un certo quantitativo di alimentari ad ogni ammalato.
   Da un anno in qua però, il governo e le Ong interessate, pur continuando a passare gratis le medicine, non contribuiscono più con gli alimentari della dieta richiesta in questi casi... ecco dunque il nostro piccolo progetto: "chakula bora", in swahili, "cibo migliore", ovvero dieta bilanciata per far fronte ai forti farmaci  che assumono.
I malati che ricevono le medicine, sono suddivisi in gruppi, che normalmente corrispondono alla circoscrizione dei singoli villaggi: le Ong passano a portare ad ogni gruppo il quantitativo di medicine necessarie, o i singoli vanno a ritirarle nel punto di distribuzione loro assegnato, e per ulteriori esami.
   Siamo andati a trovare questi gruppi e i singoli ammalati di Aids e abbiamo iniziato a dare loro un piccolo contributo per l'acquisto di farina, fagioli, carne, olio, zucchero, ecc.., circa euro 10 al mese, a persona.
   Finora nella nostra lista di assistenza c'è solo una cinquantina di ammalati, la stragrande maggioranza non vuole farsi riconoscere come tale. A quanti si sono fatti riconoscere, abbiamo steso una mano amica arrivando a loro attraverso le suore e alcuni laici più sensibili al problema consegna di prodotti alimentari tramite le Suore
   Ora, per poter continuare a far penetrare un raggio di conforto e di speranza nella "valle oscura" in cui si trovano questi ammalati (vuoi per il rifiuto da parte dei loro familiari, vuoi perché la voglia di vivere li abbandona. di giorno in giorno, vuoi per la terribile situazione di miseria in cui si trovano, ecc.), abbiamo bisogno del vostro contributo di solidarietà per continuare ad offrire loro la possibilità di avere una dieta equilibrata, appunto la "chakula bora".

P. Cesare Pozzobon cp

Referente in loco del progetto:   Padre Cesare Pozzobon (Missionario Passionista)


 

 
Progetto Fondo Emergenze

L'emergenza chiama, la tua generosità risponde

Sostieni questo progetto

Il tuo aiuto, il tuo contributo per sostenere le emergenze che i missionari ci rivolgono.

L'emergenza chiama, rispondi con la generosità!Un fondo disponibile subito per accelerare i soccorsi in casi di emergenza per richieste di cibo, medicine, vaccini ed altro con attenzione soprattutto alle esigenze e necessità dei bambini. Perché i bambini sono il futuro di un paese, il nostro futuro, la risorsa più importante.
Anche “poco”, un importo modesto, il tuo “caffè quotidiano”, possono fare molto per il futuro di ogni bambino.
Costruiamo insieme il “fondo emergenze”. Infatti, spesso ci giungono lettere di missionari che ci chiedono un aiuto immediato perché il raccolto è bruciato, perché un’epidemia richiede un’immediata vaccinazione, perché l’alluvione ha cancellato il lavoro di mesi…
E’ quindi necessario rispondere con finanziamenti immediati attinti dal “fondo emergenze”.

Per ulteriori informazioni e documentazione mandaci una mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot, abilitare Javascript per vederlo  e ti risponderemo dandoti tutte le delucidazioni del caso.


 

 
La voce del Presidente

Vorrei presentare l'Associazione Filomondo Onlus con un'immagine:
vi è un abisso tra il pianto di un bambino povero che piange per fame ed il pianto di un bambino ricco che piange per capricci.

Un ringraziamento a tutti gli associatiLa nostra Associazione si pone questi due obiettivi:

  • • contribuire, collaborando alla realizzazione di progetti (ad es. la realizzazione di pozzi) in varie parti del mondo, affinchè non ci siano più bambini che piangono per fame;
  • • contribuire, portando avanti attività come la raccolta tappi, affinchè non ci siano più bambini che piangano per capricci, perché educati a pensare ai più poveri.

Voglio ringraziare tutti gli associati e tutti coloro che collaborano (penso agli insegnanti delle scuole, ai catechisti e a tutti i volontari...) ai vari progetti in corso.
Il buon Dio non mancherà di benedirvi tutti!

Il Presidente, Bruni don Vittorio


 

 

© filomondo.org - 2008 - Realizzato da vivisulserio.it