Realizzazione di un pozzo d’acqua nel villaggio di Goussoué – Rép. du Bénin

Collaboriamo alla costruzione del Pozzo nel villaggio di Goussoué - Rép. du Bénin

Importo del progetto 12.578,00 EURO

Filomondo contribuisce con 6.000,00 euro per il pozzo con pompa a energia solare.

Offri quanto il tuo cuore ti suggerisce, l'entità del contributo è libera.

INIZIO PROGETTO Giugno 2017

Luogo dell'intervento: Goussoué-Benin

 

mappa benin

1. Situazione geografica.

Goussoué, dove si realizzerà il progetto, è un grande villaggio situato nel distretto di Paouignan, Comune di Dassa-Zoumé Dipartimento Collines, Repubblica del Benin. Questa è una delle più povere comunità rurali della diocesi di Dassa-Zoumé. La Diocesi di Dassa-Zoumé è una delle più grandi diocesi della Repubblica del Benin. Creata nel 1995, è situata nella provincia Zou-Collines con una grande crescita della popolazione di cui il 60% sono per lo più giovani. bambini del villaggioSi tratta di una diocesi rurale che si trova in una regione povera del paese, circondata dalle diocesi di Parakou e Djougou a nord, la diocesi di Oyo in Nigeria ad est, e le diocesi di Kara a Atakpame ad ovest, e le diocesi di Abomey e Porto Novo a sud. La Diocesi di Dassa-Zoumé diocesi è un bivio che, purtroppo, è in una zona dove mancano ancora delle infrastrutture  necessarie per le esigenze di base come ad esempio un adeguato approvvigionamento di acqua per soddisfare i bisogni alimentari ed usuali della popolazione residente.

 

2. Problema dell'acqua.

Gli elementi essenziali alla base del progetto sono molti. Goussoué è un grande villaggio un pò distante da Paouignan che è il centro della regione. In questo grande villaggio un pozzo per l'acqua da bere è estremamente difficile da attingere (a volte da 80 a 100 m di profondità o più). Così, ovviamente, è difficile o impossibile da scavare un pozzo per pompaggio manuale. I pozzi manuali realizzati hanno spesso due problemi essenziali: o non raggiungono l'acqua e lo sforzo diventa inutile; o raggiungono una piccola quantità di acqua mescolata con il fango e si asciugano già all'inizio della stagione secca. I pozzi che devono generare l'acqua diventano utili serbatoi per raccogliere l'acqua piovana durante la stagione piovosa in una regione collinare dove le piogge stanno diventando sempre più rare. La popolazione di Goussoué e i suoi dintorni continuano ad aumentare ed è stimata in  quindicimila (15.000) persone. La maggior parte della popolazione vive principalmente di agricoltura tradizionale. Dei circa 15.000 abitanti, secondo il recente censimento della popolazione, solo il 5% sono coinvolti in piccolo commercio, il settore secondario è completamente assente. In un tale contesto di vita in cui le persone dipendono e vivono principalmente nel settore agricolo, è una necessità disporre di una buona fontana, sia  per poter bere acqua pulita e in quantità sufficiente per coltivare piccoli orti di pomodori e verdure per la loro sopravvivenza. In particolare, la regione ha subito una grande siccità lo scorso anno che ha causato un grande deficit di raccolta fino al punto che abitanti si trovano ad affrontare una situazione  critica di fame. La carestia si aggiunge al problema dell' acqua da bere.  In questi giorni, questo villaggio, come altre aree della mia diocesi, ha climi imprevedibili che causano molto secco e freddo, venti secchi e polvere provenienti dal deserto (Sahara). Questi due elementi combinati sono la causa di stagioni secche che fanno ritardare le piogge e le  rendonbo molto irregolai, accelerando l'avanzamento drammatico del deserto. Pertanto la scarsità d'acqua causata da queste situazioni elencate colpisce la vita di abitanti che dipendono dalla fornitura di acqua di un piccolo flusso alimentato dalla sorgente naturale e quindi un potabilità molto discutibile. Pozzi tradizionali sono tutti prosciugati a causa della lunga la siccità. Gli abitanti del villaggio e soprattutto i bambini, i bambini della scuola e le donne devono camminare circa 3 chilometri per prendere l'acqua malsana dal torrente. Purtroppo l'uso di questa poca acqua, che non è depurata è la causa per queste popolazioni di malattie  come la diarrea, colera, infezioni worm de Guinea e molti altri malattie simili. Sensibile a questa situazione allarmante affrontata tutti i giorni e in silenzio da questa povera e bisognosa comunità rurale nella mia diocesi  io, Vescovo di questa diocesi mi sento  impegnato , ma da solo non posso fare  che poco, perciò mi sono deciso  a chiedere il vostro aiuto. Io chiedo quindi alla vostra Associazione FILOMONDO di accogliere con favore la nostra richiesta. Porto alle vostre orecchie il grido del cuore che ho sentito da tutta la popolazione de Goussoué affinchè qualcosa sia fatto in breve tempo per garantire che povera comunità l'acqua potabile, primo bisogno indispensabile alla vita.

3. Progetto.
Il progetto mira a raggiungere due perforazioni a Goussoué. Il primo con pompa a mano e il secondo con pompa a immersione alimentata da pannelli solari. La pompa a mano sarà realizzata nella scuola elementare del Villaggio per facilitare l'accesso per i nostri studenti all'acqua pulita. Per contro, quello a motore elettrico che è alimentato da energia solare sarà situato nel comune, vale a dire dove l'agglomerato è più  importante per facilitare la rapida distribuzione di acqua. I villaggi circostanti potrebbero anche beneficiare se la sorgente sarà abbondante e se l'energia solare sarà abbastanza potente per portare l'acqua rapidamente ai tanks.
• 1 pozzo manuale
• 1 pozzo con elettropompa + pannelli solari + tanks

4. Gestione
Una volta approvato e progetto finanziato, i lavori di costruzione sarà condotta dalla Commissione diocesana per la preparazione, l'esecuzione e il monitoraggio dei progetti pastorali (CDEESPP) sotto l'alta vigilanza del Vescovo del luogo che sono. detta commissionepoi garantire il corretto uso di entrambe le fonti d'acqua e prendersi cura di manutenzione e il mantenimento a lungo. I membri di questa Commissione sono:
- Monsignore François GNONHOSSOU: Presidente
- Padre Bankole Alexis: Coordinatore diocesano dei progetti
- Padre YEDEDJI Celestin, sma: Diocesano Tesoriere
- Padre Nicodemus BALLE: Assistente Diocesano Tesoriere
- Padre ATCHOKOSSI Bertin: Consigliere
- Suor Laura MOSCA: Consigliere
- Suor KATSU Norimi: Consigliere
Come potete vedere, ho messo strutture in loco per gestire al meglio i progetti nella mia diocesi. Queste strutture si sono già dimostrate in campo. Loro sanno come guidare con competenza, progetti di rigore  e trasparenza loro affidati. È quindi possibile fare affidamento. Ciò che si metterà a nostra disposizione sarà ben gestito e la popolazione, vera destinataria del progetto potrà beneficiare dei frutti dei nostri sforzi congiunti.

Referente in Italia del progetto: Don Michel Kotoko

Referente in loco del progetto: Sua Eccell. Mons. François Gnonhossou, Vescovo della diocesi di Dassa-zoumè


 

 

 

 


 
5X1000

Come puoi sostenerci

5 per MILLE... per FILOMONDO

Dona il cinque per mille all'associazione Filomondo!Con la dichiarazione dei redditi di quest’anno potrai destinare, senza alcun onere, il 5 per mille dell’Irpef a favore della nostra associazione onlus.
La destinazione della quota del 5 per mille è complementare (cioè si aggiunge) all’opzione del più classico 8 per mille destinato allo Stato/Chiesa.
Durante la compilazione del 730, del modello Unico o tramite modello CUD, sarà sufficiente la tua firma  nella parte riservata al “sostegno del volontariato” e l’indicazione del nostro  codice fiscale:

94036540154

Ricorda: "+ dài - versi"

Nell’ambito del Piano di azione per lo sviluppo economico, sociale e territoriale, con l’articolo 14 del decreto-legge 14 marzo 2005, n. 35 convertito dalla legge 14 maggio 2005, n. 80, rubricato ONLUS e terzo settore, è stata approvata una importante disposizione (la c.d. “+ dai – versi”) in materia di deducibilità delle erogazioni liberali effettuate a favore degli organismi facenti parte del terzo settore.

Le offerte intestate a Associazione Filomondo Onlus, se effettuate tramite bollettino postale, bonifico bancario o assegno bancario o postale,
sono deducibili dal reddito imponibile sino ad un ammontare pari al 10% del reddito stesso e fino a un massimo di 70.000 Euro.


Come puoi sostenerci:

1- puoi sostenere i nostri progetti inviando la tua offerta a:
Associazione Filomondo Onlus
Via Marconi 13 – 20855 Lesmo MB

attraverso:
Versamento su C/C postale n. 49390545
Bonifico Bancario sul c/c 49390545
Banco Posta Italiane
Codice IBAN: IT 27 I 07601 01600 000049390545

2- puoi impegnarti a far conoscere la nostra attività ad amici e conoscenti

3- diventando socio aderendo all’Associazione Filomondo Onlus versando la quota annua di 15,00 Euro (scarica il modulo di adesione che trovi alla sezione contributi, sotto la voce diventa socio).

Agevolazioni fiscali
Fare una donazione a Filomondo è anche conveniente.
La legge 80/2005 ha stabilito infatti nuove e più vantaggiose agevolazioni fiscali per chiunque, privato o azienda, faccia una donazione a favore di una Onlus. Per usufruire di tali agevolazioni è necessario conservare la ricevuta di versamento.

5 per ...millegrazie!!!

Filomondo ringrazia le persone che hanno firmato in favore della nostra Associazione Filomondo Onlus:

nella dichiarazione 2006 (quella relativa ai redditi 2005),
nella dichiarazione 2007 (quella relativa ai redditi 2006),
nella dichiarazione 2008 (quella relativa ai redditi 2007),
nella dichiarazione 2009 (quella relativa ai redditi 2008),
nella dichiarazione 2010 (quella relativa ai redditi 2009),
nella dichiarazione 2011 (quella relativa ai redditi 2010),
nella dichiarazione 2012 (quella relativa ai redditi 2011),
nella dichiarazione 2013 (quella relativa ai redditi 2012),
nella dichiarazione 2014 (quella relativa ai redditi 2013),
nella dichiarazione 2015 (quella relativa ai redditi 2014),

hanno firmato in favore della nostra Associazione Filomondo Onlus.

 

 
La voce del Presidente

Vorrei presentare l'Associazione Filomondo Onlus con un'immagine:
vi è un abisso tra il pianto di un bambino povero che piange per fame ed il pianto di un bambino ricco che piange per capricci.

Un ringraziamento a tutti gli associatiLa nostra Associazione si pone questi due obiettivi:

  • • contribuire, collaborando alla realizzazione di progetti (ad es. la realizzazione di pozzi) in varie parti del mondo, affinchè non ci siano più bambini che piangono per fame;
  • • contribuire, portando avanti attività come la raccolta tappi, affinchè non ci siano più bambini che piangano per capricci, perché educati a pensare ai più poveri.

Voglio ringraziare tutti gli associati e tutti coloro che collaborano (penso agli insegnanti delle scuole, ai catechisti e a tutti i volontari...) ai vari progetti in corso.
Il buon Dio non mancherà di benedirvi tutti!

Il Presidente, Bruni don Vittorio


 

 

© filomondo.org - 2008 - Realizzato da vivisulserio.it